Così si incontrano Montefalco, detta la Ringhiera dell’Umbria e famosa in tutto il mondo per l’eccellente vino Sagrantino; Bevagna, splendido municipio romano e poi importante nucleo medievale; Trevi, che sale dolcemente la collina dal verde argentato degli ulivi; Spello, estrema appendice del Monte Subasio, fu florida ed importante colonia romana; Nocera Umbra, città termale e delle acque; Gualdo Cattaneo, con la rocca ed i castelli. Infine, il centro principale della Valle Umbra, Foligno. Luogo di scambio e di incrocio delle grandi vie di comunicazione, oltre che città di interesse storico e artistico.

Le antiche mura cingono ancora oggi i nobili palazzi medioevali e chiese, tra cui Palazzo Trinci, al cui interno ha sede la Pinacoteca, il Museo Archeologico, il Museo dell’Istituzione comunale e il Museo multimediale dei Tornei, delle Giostre e dei Giochi; Duomo, dedicato al patrono della città San Feliciano, che si affaccia su Piazza Grande; Palazzo Comunale del XIII sec., con una torre merlata che spicca sui viali cittadini.

 

Florido è l’artigianato di questo territorio che va dalla produzione di cesti e cordami a Bevagna, alla produzione secolare, unica in Italia, di lime e raspe a Sellano, ai tessuti di Montefalco e al restauro di strumenti musicali e di costruzione di organi di Foligno. La gastronomia trae le sue origini dalla tradizione contadina ed è caratterizzata da piatti dai sapori genuini conditi con l’ottimo olio extra vergine d’oliva delle colline del territorio, accompagnati dai vini gustosi e corposi della Strada del Sagrantino.

SCOPRI COSA PUOI FARE A FOLIGNO